Home Blog

Delfino tra i bagnanti ad Avola. L’episodio ripreso da un turista – Video

0

I bagnanti della spiaggia di Avola in provincia di Siracusa sono stati omaggiati dalla presenza di uno splendido esemplare di delfino.

Il mammifero si è spingo fino a riva facendo un giro tra i bagnanti che hanno ripreso l’evento. Non è la prima volta che episodi simili si verificano nelle nostre spiagge siciliane, questo è solo uno dei tanti che è stato documentato con un filmato.

In manette la sorella e il nipote di Matteo Messina Denaro – Video

0

Colpo al clan mafioso di Matteo Messina Denaro, il boss numero uno di Cosa Nostra, condannato all’ergastolo per le stragi del 1993 ma tutt’ora latitante. Una grossa operazione condotta in provincia di Trapani da parte di polizia, carabinieri, guardia di finanza e Direzione investigativa antimafia (Dia) ha portato all’arresto di 30 esponenti di spicco del clan, tra cui alcuni familiari del boss: tre cugini, il nipote Francesco Guttadauro e la sorella Anna Patrizia.
Quest’ultima in particolare, secondo gli inquirenti, «era il raccordo con i mafiosi detenuti». Inoltre la sorella avrebbe estorto 70mila euro ad una donna, che li aveva ereditati dopo il decesso della madrina di battesimo della stessa sorella del padrino di Castelvetrano. Nell’ambito dell’operazione sequestrati beni per 5 milioni di euro costituiti da società operanti proprio nel settore dell’edilizia.

Papa Francesco tra i migranti di Lampedusa

0

Citta’ del Vaticano, 8 lug – Alla messa celebrata nella spianata delo stadio ‘Arena’ di Lampedusa, in localita’ Salina, hanno partecipato circa 10 mila fedeli. Tra loro anche una folta rappresentanza dei migranti che si trovano sull’isola dopo gli ultimi sbarchi. Il dato e’ stato fornito dalla Questura di Agrigento. Circa 5 mila sono, in totale, gli abitanti che stabilmente risiedono sull’isola sicilina. 

Gioco d’azzardo, la Cisl accende i riflettori

0

La Cisl e l’Associazione Giovani della Cisl di Messina accendono i riflettori su un fenomeno in forte aumento, soprattutto negli ultimi anni: il gioco d’azzardo. La relazione annuale al Parlamento sullo stato delle tossicodipendenze in Italia, facendo riferimento ai dati del Consiglio nazionale delle ricerche, enuncia infatti che è in forte aumento la dipendenza da gioco d’azzardo che si presenta come un fenomeno trasversale che colpisce tutte le classi sociali ed in modo rilevante anche i giovani.
La Cisl e l’Associazione Giovani hanno deciso, quindi, di promuovere una giornata di studi per martedì 25 giugno con inizio alle ore 9.30 presso l’Aula Cannizzaro dell’Università di Messina. Sarà effettuata una analisi sociale sulla dipendenza da gioco, valutando le modalità di prevenzione a partire dalle risorse disponibili e saranno approfonditi i temi del supporto e recupero dei soggetti in difficoltà.
I lavori, moderati dalla psicologa dott.ssa Enza Lipari, prevedono l’introduzione di Gianmarco Calapai, presidente dell’Associazione Giovani Cisl Messina; a seguire il saluto del Prefetto di Messina, Stefano Trotta. Saranno proiettati anche dei video con una drammatica testimonianza diretta. Previsti gli interventi, inoltre, della dott.ssa Graziella Tribulato, psicoterapeuta dell’Asp5, del dott. Giovanni Utano, dirigente dell’Asp5, del dott. Giuseppe Anzalone, vicequestore aggiunto e dirigente della squadra mobile, e dell’avv. Enza Bertuccelli. La chiusura dei lavori è affidata al segretario generale della Cisl Messina, Tonino Genovese.

“Estorsione e spaccio”, 15 arresti nel Messinese

0

Un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 15 persone, accusate a vario titolo di estorsione, tentativo di estorsione ed associazione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, è stata eseguita dai carabinieri nel messinese. Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Messina, su richiesta della locale Dda. Le indagini hanno permesso di risalire ad alcuni episodi di estorsione e tentativi di estorsione ai danni di due imprese di Scaletta Zanclea (Me) e Itala (Me) che avevano appalti pubblici consistenti. Inoltre è stato individuato un gruppo criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti che si approvvigionava nel catanese.

Villafrati, 26 dipendenti comunali denunciati per assenteismo (le immagini)

0

Ventisei dipendenti comunali di Villafrati, in provincia di Palermo, sono stati denunciati dai carabinieri per assenteismo: non si presentavano al lavoro o uscivano senza alcun permesso. E ancora, facevano timbrare il badge da altri colleghi compiacenti. Uno di loro ha mandato anche il proprio figlio a timbrare il cartellino. Tutto è stato filmato e ripreso dalle telecamere piazzate dai carabinieri che questa mattina hanno notificato a tutti i provvedimenti giudiziari.

Anziano morto carbonizzato a San Marco d’Alunzio

0

Un anziano di San Marco d’Alunzio, Marco Nicolò Oriti, 85anni, è morto carbonizzato ieri pomeriggio dopo essere stato travolto dalle fiamme di un incendio di sterpaglie nel suo appezzamento di terreno di contrada Mica. Gravemente ferito, con ustioni sul 40% del copro il figlio Agostino Basilio Oriti, 65 anni, dipendente comunale. Il terribile incidente è avvenuto intorno alle 14:30 di ieri. Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, l’anziano deceduto avrebbe perso il controllo del fuoco che aveva acceso verosimilmente per bruciare alcuni scarti di potatura e rovi vari, rimanendo però intrappolato tra le fiamme che si erano propagate tutt’intorno. Le esalazioni hanno quindi provocato la perdita di coscienza dell’anziano che è caduto per terra venendo risucchiato dal fuoco. A nulla sono valsi invece i tentativi di soccorso da parte del figlio, che soffre di problemi di deambulazione,  caduto  nel precipizio sottostante  rischiando di morire anch’egli arso dalle fiamme. A salvare il 65enne dapprima l’intervento della moglie e della figlia, che si erano messe alla ricerca dei due, quindi il tempestivo soccorso dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Sant’Agata Militello, al comando del caposquadra Nunzio Peditto e dei Carabinieri della stazione di San Marco d’Alunzio, al comando del maresciallo Ennio Rundo.  Agostino Basilio Oriti, immediatamente trasportato per le prime cure del caso all’ospedale di Sant’Agata Militello è stato  successivamente trasferito all’ospedale civico di Palermo dove attualmente si trova ricoverato in prognosi riservata.

Blitz antidroga, la polizia arresta 40 persone

0

Le indagini del commissariato di Leonforte hanno condotto ad effettuare ben 40 arresti nelle province di Catania, Enna, Caltanissetta e Palermo.  Le operazioni sono state dirette dalla Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta. L’operazione è stata denominata “Nickname”. Tra i 40 arrestati anche 5 minorenni. Le persone finite in manette sono accusate, a vario titolo, di associazione a delinquere finalizzata al traffico di stupefacenti

Sbarchi al centro d’accoglienza di Lampedusa, il centro è saturo

0

Agrigento – Il centro d’accoglienza di Lampedusa è nuovamente saturo dopo gli sbarchi avvenuti in pochi giorno che hanno visto approdare sull’isola oltre un migliaio di migranti. Attualmente la struttura ospita 855 extracomunitari a fronte di una capienza massima prevista di 300 persone.

Ballottaggio a Messina, Accorinti presenta la squadra assessoriale

0

Ieri, presso la sede in via XXIV Maggio n. 16, si è svolta la Conferenza stampa di presentazione della squadra di Assessori dell’amministrazione comunale guidata da Renato Accorinti, in caso di vittoria al ballottaggio. “Abbiamo scelto una squadra di figure di altissimo profilo, libere e competenti, in un’ottica profondamente differente dai sistemi che hanno retto la nostra città in tutti questi anni. Si tratta di persone dalle grandi qualità tecniche e morali. Nel segno della trasparenza, sia chiaro, chiederei le dimissioni di un assessore se risultasse, per esempio,  iscritto a una loggia massonica. Io per primo mi dimetterei se ci fosse un’ombra su di me. Al di là delle ideologie e gli schieramenti, lavoreremo bene con tutti quelli che hanno a cuore il bene comune. La parola d’ordine è responsabilità e non comando: una rivoluzione per Messina”, ha sottolineato il candidato Sindaco Renato Accorinti, alla presenza degli assessori designati. La nomina degli ultimi tre assessori completa infatti la composizione della Giunta Accorinti.

L’ingegnere Gaetano Cacciola, direttore del Cnr Itae, si occuperà di Energia, Mobilità e trasporti, Comunicazione e Innovazione e dei Rapporti con l’Europa e il Mediterraneo; l’ingegnere Sergio De Cola si occuperà di Urbanistica, Lavori Pubblici e Risanamento; l’ingegnere navale e ricercatore universitario Filippo Cucinotta di Risorse del Mare, Protezione Civile e Sicurezza sul Lavoro.

I neo-designati affiancano il gruppo precedentemente indicato: l’economista e docente universitario Guido Signorino al Bilancio e allo Sviluppo economico; il docente universitario Antonino Mantineo alle Politiche sociali, sanitarie e giovanili, al Decentramento (Città Metropolitana) e al Personale; Sergio Todesco, Direttore del Parco Archeologico dei Nebrodi Occidentali, con deleghe alla Cultura, alle Identità, alle Politiche scolastiche e dell’istruzione; la ricercatrice universitaria Patrizia Panarello, assessore all’Autogestione dei Beni Comuni, alle Reti Solidali, Villaggi e alle Pari Opportunità; il professore e ambientalista Daniele Ialacqua all’Ambiente, alla Partecipazione e Valutazione, Politiche per il benessere degli animali, Risorse agricole, RSU, Acqua, Nuovi Stili di Vita. Il Sindaco Renato Accorinti mantiene le deleghe alla Vigilanza Urbana e allo Sport.

“In base alle competenze di ciascuno, il gruppo degli assessori collaborerà con il Sindaco per il rilancio di Messina, ossia per la costruzione di una città moderna, attrattiva, competitiva, solidale, dinamica, equa e sostenibile. Una città “di relazioni” che superi la condizione di declino in cui è stata condotta dalle politiche del bilancino partitico, delle clientele, della rapina. Il forte risparmio della politica, con la rinuncia allo stipendio da parte del Sindaco e la forte riduzione dei compensi per gli assessori non è una scelta populista ma un segnale concreto di risparmio – assieme ai costi dell’amministrazione comunale da rivedere: dalle spese extra alle missioni e ai fitti – in modo da risollevare la situazione. Chi fa politica non deve arricchirsi ma svolgere un servizio per la comunità. Prevediamo in determinati casi Fondi di Solidarietà per il lavoro e consideriamo il dissesto da evitare”, è stato sottolineato dai componenti della squadra, in particolare dall’assessore designato al Bilancio e allo Sviluppo economico Signorino.

Molti i progetti e le idee emersi nel corso della conferenza stampa: dalla “città più ordinata, vivibile e che permetta il risanamento dei villaggi”, esigenza evidenziata dall’ingegnere De Cola (Urbanistica, Lavori Pubblici e Risanamento), “all’impegno per la mobilità interna e i servizi di trasporto per tutti, ad esempio con una valorizzazione finalmente dell’Atm, senza privatizzazioni ma dando vita a una gestione oculata ed efficiente” secondo l’ingegnere Cacciola (Energia, Mobilità e trasporti, Comunicazione e Innovazione e dei Rapporti con l’Europa e il Mediterraneo). In primo piano anche la valorizzazione delle moltissime potenzialità offerte dal mare, secondo l’ingegnere navale Cucinotta (Risorse del Mare, Protezione Civile e Sicurezza sul Lavoro), con l’indispensabile “riorganizzazione dei trasporti dello Stretto, l’attivazione del porto di Tremestieri, la riconversione (con nuove opportunità) delle navi per adeguarsi alle normative europee sul controllo delle emissioni e il rilancio delle aree fieristiche e del turismo nel segno del made in Sicily. Nel settore della Protezione civile, invece, sono fondamentali la messa in sicurezza del territorio e la verifica della sicurezza sismica delle strutture, a partire da quelle scolastiche”.

Tra gli altri temi affrontati, da tutti gli assessori e dal Sindaco, il rilancio dell’edilizia, senza più mega progettazioni ma progetti mirati, il turismo a Capo Peloro e lo Stretto di Messina da fare diventare patrimonio dell’Unesco, con il Pilone da trasformare in meta turistica,  le risorse energetiche come nuova prospettiva, cultura, autogestione dei beni comuni, valorizzazione ambientale e rispetto del territorio come parole d’ordine“.