Malasanita’ a Messina, una condanna e 2 assoluzioni per la morte di un neonato al Policlinico

    0
    263

    Una sola condanna alla fine del processo di primo grado per la morte di un neonato avvenuta nel 2005 al Policlinico. Il giudice monocratico Pagana ha condannato a due anni l’anestesista Giovanni Maria Pino, difesa dall’avvocato Salvatore Versaci, e assolto perché il fatto non sussiste  Carmela Caruso, difesa dagli avvocati Gianluca Gullotta e Giuseppe Carrabba, allora medico al pronto soccorso ostetrico e Silvia Russo, all’epoca dei fatti specializzanda di ginecologia ed ostetricia. Disposta inoltre una provvisionale per i genitori del neonato tunisino. La madre fu ricoverata all’ospedale universitario il 15 settembre di 8 anni fa per effettuare il parto cesareo, previsto per l’indomani. Il  bimbo nacque ed ebbe subito problemi respiratori. Il 22 ottobre dello stesso anno le sue condizioni peggiorarono e morì. Secondo la perizia, a spegnerlo a solo 40 giorni, è stato un enfisema interstiziale causata da una sofferenza fetale, insorta durante il travaglio del parto a causa di minaccia di rottura dell’utero della madre.